Gordon Banks, la fermata del secolo

Gordon Banks, la parada del siglo

Ultimo aggiornamento 26 March, 2024 por Alberto Lopis

Per molti, Gordon Banks fue uno de los mejores porteros de la historia. Si parla tanto di quella semifinale del Mundial 70 tra la Germania e l'Italia nota come “il partito del secolo“, o il meraviglioso “traguardo del secolo” di Diego Armando Maradona contro l'Inghilterra, anche in Messico ma 16 anni dopo. Sin embargo, ciò che molti non sanno è che c'era anche un “fermata del secolo”, quello realizzato dal nostro protagonista di questa storia.

Gordon Banks, uno dei migliori

Nato a Sheffield in 1937, Banks incarna l'era più brillante del calcio britannico. Quello che dentro 1966 li portò in cima al mondo. Mentre la sua carriera è iniziata molto prima, e come in molti altri casi, casualmente. Nulla che ha prefigurato quando ha lasciato la scuola quel giorno sarebbe diventato un professionista. Le sue erano le parole prima che andasse a lavorare come muratore che “aveva più capacità di raccogliere rapidamente la palla dalla rete che di fermarsi”.

Incluso, già in piena adolescenza, fu scoperto da uno scout di Chesterfield, che lo portò in terza divisione in cambio di 2 sterline a partita. Laggiù, con il servizio militare coinvolto, fu quando le sue virtù furono scoperte, quando ha mostrato sobrietà, agilità e intelligenza sotto i bastoni. Una fermezza che gli ha permesso di essere trafitto 1959 a Leicester City per 7.000 libbre, una quantità elevata per il momento.

A Leicester avrebbe vissuto i suoi anni migliori. In una squadra che non eccelleva, quello era il grande svantaggio di Banks durante la sua carriera-, Banks ha salvato la sua squadra in molti giochi. Così tanti che lo hanno portato a giocare due finali di FA Cup a Wembley, entrambi persi, particolarmente tragico il secondo, per l'illusione di vincere lo United.

Gordon Banks lo paraba todo, hasta lo que no eran balones.
Gordon Banks ha fermato tutto, anche quelli che non erano palle.

Campeón del mundo en 1966

No obstante, sono due buone stagioni a Leicester, lo ha portato a far parte di una rinnovata squadra inglese. L'ingresso del nuovo allenatore Alf Ramsey è servito a preparare una nuova squadra che mirava a Mundial 66, che è stato giocato in casa. e ci, Banche era il grande pilastro dell'obiettivo. Ha fatto il suo debutto, come meritato l'occasione, a Wembley, e contro la Scozia ad aprile 1973. Un preludio al 73 partite con cui avrebbe finito per indossare il “tre leoni”, con cui è riuscito a tenere il passo 35 volte l'arco a zero.

Con la squadra nazionale, vedresti la vera dimensione di Banks. Dentro Mundial del 66, la sua esibizione fu semplicemente colossale nel conquistare lo scettro del mondo. Fino alle semifinali contro Il Portogallo di Eusebio Non vorrei ricevere un singolo, penalità e ovviamente attraverso il Pantera dal Mozambico ciò spezzerebbe un imbattibile 443 minuti. “A quel livello, ogni obiettivo è come un coltello nelle costole”, Fu la sua prima reazione dopo aver inserito entrambi, nel gioco che lui stesso definì il più importante di tutti, giocato con la squadra nazionale, anche della finale, quello che avrebbe vinto nel tempo straordinario alla Germania di 4-2.

Banks iba a por todas en cada partido.
Le banche hanno dato il massimo in ogni partita.

Ha lasciato il posto a un altro mito come Peter Shilton

En 1967, un altro mito del goal inglese lo avrebbe sostituito a Leicester, Pietro Shilton. La forza di un nuovo talento lo ha portato a essere venduto 50.000 sterline per alimentare la città, con il quale avrebbe ottenuto l'unico titolo della sua carriera a livello di club: la Coppa di Lega 1972, Troppo poco bottino per un uomo che sarebbe stato considerato uno della grande squadra tre migliori portieri nella storia del calcio.

Consacrato allo Stoke e un'icona nella squadra inglese, sin embargo, il suo momento di gloria, verrebbe con 33 anni, ai Mondiali in Messico. La Brasil del 70, era il rivale nella seconda partita del campionato. Pelle, Tostao, Riverinho o Jairzinho formarono una squadra senza pari piena di fantasia e talento che spazzò ovunque andasse. Contro l'Inghilterra non è stato da meno, c'era solo un problema: Di fronte c'era il miglior portiere del momento e questo è sempre un problema.

Le opportunità non mancavano, Nemmeno quel cross di Jairzinho, magistralmente rifinito da Pelé verso la rete finché non è apparsa una mano salvifica che ha impedito il gol.. L'obiettivo che non era, la mossa che ha dato più titoli, incluso del 10 Brasiliano che si è sempre manifestato: "Ho segnato un goal, ma Gordon Banks lo fermò. ". Ed era un obiettivo, perfino lo stesso Banks lo vide dentro: "Non immaginavo di poter fermare quella palla anche quando la colpivo con il pollice. Pensavo di essere stato fino a quando non ho sentito l'applauso di Bobby Moore. ".

Gordon Banks e lo stop del secolo

Era così magnifico, che la stampa messicana ha battezzato l'opera con la grazia di “Banche, sicuro come le banche inglesi”. Un intervento per il quale sarai sempre ricordato, anche più che per la sua brillante carriera, che un incidente d'auto è finito 1972 quando si perde un occhio, dopo una visita dal fisioterapista del suo team.

Nominato dalla Federazione internazionale di storia e statistica del calcio (IFFHS) come il secondo miglior portiere della storia, dopo il grande ragno nero, e detentore della medaglia dell'Ordine al merito britannico, quando Banks era sotto i bastoni, il rivale ha avuto un problema, un grosso problema.

Gordon Banks, la parada del siglo.
Gordon Banks, la fermata del secolo.

Julio Muñoz

giornalista, specialista del calcio e retrò internazionale. Scrivo in Colgadosporelfutbol.com e Puoi seguire a @ juliomv1982

Commenti

errore: Il contenuto è protetto !!