Ruud Gullit, uno dei migliori calciatori olandesi di sempre

Ruud Gullit, uno de los mejores futbolistas holandeses de la historia
Ruud Gullit, uno dei più grandi talenti nella storia dei Paesi Bassi. FOTOMONTAGGIO: sospeso

Ultimo aggiornamento 23 November, 2023 por Alberto Lopis

Ruud Gullit. La posizione anteriore falso, nove bugiardo, che ha chiamato tradizionalmente fantasista arrivando deve molto ad uno dei suoi precursori, Rudd Gullit. questo olandese, nacido un 1 de septiembre de 1962 ad Amsterdam, è forse la figura racchiude ciò che può essere un fronte, Non diventare così, nonostante la ridondanza.

Ruud Gullit, uno dei migliori talenti calcistici del mondo 80-90

Carnagione scura a causa della loro geni padre del Suriname e capelli afro inconfondibile ( nei suoi anni come un giocatore non ora), la verità è Ruud Gullit Può essere considerato uno dei migliori calciatori del decennio degli anni 80. In parte, grazie alla sua capacità di punteggio, il suo Piano americano o di lunga distanza o la loro capacità di finire con la testa qualsiasi palla put tino.

Enorme in gara grazie alla forza delle sue gambe e non senza di qualità negli stivali, l'olandese e AC Milan, tra le molte squadre tempo hanno goduto dei benefici di questo fenomeno.

Tra i migliori giocatori olandesi della storia

sofferente Fellow Frank Rijkaard dai primi (Erano nello stesso quartiere di Amsterdam), la sua carriera è legata a questo e un altro sogno attaccante: Marco Van Basten. Con loro, Ha vinto il titolo che è stato il suo grande, la Eurocopa de 1988 battendo la Germania in semifinale e l'URSS in finale, con Gullit ruolo di primo piano in entrambe le partite.

più giovane esordiente in Eredivisie con 16 anni nelle file di HFC Haarlem, trampolino club che ha mosso i primi passi nei primi tre campagne, en 1982 ha firmato per il Feyenoord dove ha condiviso uno spogliatoio con un idolo come Johan Cruyff. Versatile e può giocare in qualsiasi posizione, è la vittima di insulti in vari campi per il colore della loro pelle, ma lontano da intimidire lei lo ha reso più forte.

Club a Rotterdam, sin duda, raggiungere grandi dosi di rilievo. grazie in parte al campionato e titoli di Coppa vinta da Feyenoord in 1984. Doppietto che gli servirebbe per essere fichado dal PSV Eindhoven, che genererebbe molte polemiche nel paese, a causa della grande quantità di trasferimento (1.200.000 fiorini del tempo).

46 obiettivi dentro 68 parti antologiche e spettacoli che ha guadagnato ancora una volta i titoli lo ha portato a salire come uno dei migliori giocatori europei e per essere firmato da un gigante europeo questa volta come il Milan. Era 1987 e le cose sembravano funzionare, fino al punto di vincere il Pallone d'Oro, a cui si è dedicato Nelson Mandela dopo aver pronunciato una delle sue grandi frasi:[pullquote] “Mi sto godendo questo premio come Nelson Mandela resta in carcere. La sua causa è mio. E 'nero come me. "[/pullquote]

Storia nel Milan di Sacchi

Il suo trasferimento ai rossoneri non potrebbe essere più accurata. Insieme a Van Basten e con Arrigo Sacchi de entrenador, Ha vinto lo scudetto nel 1988, lo stesso anno della conquista di euro. Sarebbe la stagione precedente per sollevare il Copa de Europa, dopo aver battuto in 1989 Steaua Bucarest nella Barcellona da un energico 4-0, dove Gullit brillare con due gol.

La fortuna di non viaggiare a Paramaribo dove ha dovuto giocare una amichevole con una selezione di giocatori dal Suriname (dove l'aereo caduto avrebbe dovuto essere spostato senza lasciare sopravvissuti) dentro gran Milan de Sacchi, il creatore di calcio, anche ha vinto la Coppa dei Campioni 1990 ei Coppa Intercontinentale due anni, più una Supercoppa Europea.

Fine carriera

Le lesioni hanno segnato l'inizio del decennio del 90, al punto che il tulipano nero dovuto saltare molti mesi lontano dal campo per problemi al ginocchio, anche loro gli hanno impedito di giocare la finale di Coppa dei Campioni contro l'Olympique Marsiglia. Dopo sei anni a Milano, Gullit è stato ceduto in prestito al Sampdoria, dove sarebbe una stagione prima di tornare a Milano e tornare alla Samp, in un avanti e indietro che si sviluppa su due stagioni. En 1995, ficharía by Chelsea, tentare la fortuna in Premier League. Tre anni sarebbero stati nel club di Londra per vincere la FA Cup. L'epilogo perfetto per una carriera che lo avrebbe portato a termine nel lavoro di giocatore-allenatore nello stesso Chelsea.

Julio Muñoz

giornalista, specialista del calcio e retrò internazionale. Scrivo in Colgadosporelfutbol.com e Puoi seguire a @ juliomv1982
errore: Il contenuto è protetto !!